Home » live » Golf » Eurotour: nell’Abu Dhabi HSBC secondo giro sospeso Paratore 37°, Manassero 93°

Eurotour: nell’Abu Dhabi HSBC secondo giro sospeso Paratore 37°, Manassero 93°

Non si è concluso il secondo giro dell’Abu Dhabi HSBC Golf Championship, evento dell’European Tour che si sta svolgendo sul tracciato dell’Abu Dhabi Golf Club (par 72), ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi. Un ritardo di 2 ore e 45’ sulle partenze, causato dalla nebbia, non ha poi più concesso la luce necessaria per terminare. Hanno percorso dieci buche sia Renato Paratore che Matteo Manassero e, nella classifica provvisoria, il romano è al 37° posto con “meno 2” e il secondo al 93° con “+2”.
E’ salito in vetta con 134 (67 67, -10) l’inglese Andy Sullivan (a sinistra nella foto di Getty Images insieme a Darren Clarke), seguito con “meno 9” dal 22enne dilettante statunitense Bryson Dechambeau, lo scorso anno vincitore dell’U.S. Amateur, leader dopo il turno iniziale e stoppato alla nona buca.
In terza posizione con 137 l’olandese Joost Luiten e lo spagnolo Rafael Cabrera Bello affiancati con lo stesso “meno 7” dal danese Thomas Bjorn e dall’inglese Richard Bland, fermati alla 11ª. In nona con 139 gli inglesi Matthew Fitzpatrick e Ian Poulter e con il medesimo “meno 5” il nordirlandese Rory McIlroy (13ª), che ha rallentato, il tedesco Martin Kaymer (12ª) e lo statunitense Rickie Fowler (13ª), che invece hanno guadagnato terreno. Si sono allontanati dalla vetta anche lo svedese Henrik Stenson, 20° con “meno 4” (12ª), e l’americano Jordan Spieth, numero uno mondiale, 26° con “meno 3” (13ª) come il thailandese Thongchai Jaidee  che però è giunto in club house (141, -3). In recupero il nordirlandese Darren Clarke e l’inglese Danny Willett, 56.i con 143 (-1), e destino già deciso per il sudafricano Ernie Els e per l’inglese Lee Westwood, 113.i con 149 (+5), che usciranno al taglio.
Sullivan ha realizzato il secondo 67 (-5) di fila con sette birdie e due bogey. Paratore, al via dalla 10ª, è uscito con due bogey, poi ha recuperato metà svantaggio con un birdie prima dello stop. Manassero, anche lui partito dalla 10ª, ha perso tre colpi (quattro bogey e un birdie) in sette buche e, come Paratore, ha concluso con un birdie. Ora ha otto buche a disposizione per portarsi sul “meno 1”, presumibile quota per rimanere in corsa, ed evitare il 15° taglio consecutivo, dopo i 13 accusati sull’European Tour e quello nel Japan Tour (Dunlop Phoenix). Il montepremi è di 2.500.000 euro con prima moneta di 409.686 euro.

PRIMO GIRO – Ottimo inizio di Renato Paratore, 12° con 69 (-3) colpi, nell’Abu Dhabi HSBC Golf Championship, evento dell’European Tour che si sta svolgendo sul percorso dell’Abu Dhabi Golf Club (par 72), ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi, dove l’altro italiano in gara Matteo Manassero è 59° con 72 (par).
Hanno tenuto una grande andatura i concorrenti più forti del lotto, ma a prendere la vetta con 64 (-8) è stato il 22enne dilettante statunitense Bryson Dechambeau, lo scorso anno vincitore dell’U.S. Amateur, considerato un major della categoria. Così lo svedese Henrik Stenson, numero cinque mondiale, si è dovuto accontentare del secondo posto con 65 (-7), il nordirlandese Rory McIlroy, numero tre, del terzo con 66 (-6) insieme al sudafricano Branden Grace, e l’americano Jordan Spieth, leader del world ranking, del settimo con 68 (-4) dove la ha compagnia degli inglesi Matthew Fitzpatrick e David Howell, del danese Thomas Bjorn e dello svedese Niclas Fasth. Al quinto con 67 (-5) gli inglesi Richard Bland e Andy Sullivan.
Hanno lo stesso score di Paratore anche il tedesco Martin Kaymer e il cinese Ashun Wu e hanno un colpo in più lo statunitense Rickie Fowler, il thailandese Kiradech Aphibarnrat e gli spagnoli Rafael Cabrera Bello e Pablo Larrazabal, 29.i con 70 (-2). In 47ª posizione con 71 (-1) il thailandese Thongchai Jaidee e piuttosto sotto tono il sudafricano Ernie Els, il nordirlandese Darren Clarke, l’inglese Lee Westwood e il francese Gary Stal, campione uscente, 86.i con 73 (+1), l’iberico Alvaro Quiros e l’inglese Danny Willett, 111.i con 75 (+5).
Dechambeau, che nel 2015 ha preso parte all’U.S. Open senza superare il taglio, è partito con un bogey poi si è guadagnato la leadership realizzando un eagle  e sette birdie. Stenson, tornato in campo ad appena sei settimane da un intervento al ginocchio, ha infilato otto birdie e un bogey e anche McIlroy ha siglato otto birdie, ma con due bogey. Poco più lento Spieth, con sei birdie e due bogey.
Paratore ha messo a segno due birdie in otto buche, poi ha frenato con un bogey alla nona. Ha proseguito con molta attenzione attendendo l’occasione propizia e se ne sono presentate due in chiusura che ha tradotto in altri due birdie.
Manassero sulle prime undici buche è andato in altalena alternando un birdie, due birdie e un altro birdie ad altrettanti bogey. Tornato per la terza volta in par ha continuato senza scosse fino al termine propiziandosi un’occasione per interrompere la serie dei 14 tagli consecutivi subiti, tredici sull’European Tour e uno sul Japan Tour. Il montepremi è di 2.500.000 euro con prima moneta di 409.686 euro.
PROLOGO – Renato Paratore Matteo Manassero saranno gli unici due italiani presenti nell’Abu Dhabi HSBC Golf Championship (21-24 gennaio), evento dell’European Tour in programma sul percorso dell’Abu Dhabi Golf Club, ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi.
Il field è delle grandi occasioni per la partecipazione degli statunitensi Jordan Spieth, leader mondiale, eRickie Fowler, numero sei, del nordirlandese Rory McIlroy, numero tre, dello svedese Henrik Stenson, numero cinque, del tedesco Martin Kaymer e del sudafricano Ernie Els.
Sono i più titolati del lotto, ma vi sono tanti altri ottimi competitori quali gli inglesi Ian Poulter, Lee Westwood, Danny Willett e Matthew Fitzpatrick, gli spagnoli Alvaro Quiros, Rafael Cabrera Bello e Pablo Larrazabal, l’austriaco Bernd Wiesberger, il francese Victor Dubuisson, lo scozzese Russell Knox, membro del PGA Tour, i sudafricani Branden Grace e Haydn Porteous, fresco vincitore del Joburg Open, i thailandesi Thongchai Jaidee e Kiradech Aphibarnrat e il cinese Ashun Wu. Al via anche il nordirlandese Darren Clark, preso tra i suoi compiti di giocatore e di capitano della selezione europea alla prossima Ryder Cup (30 settembre-2 ottobre, Hazeltine National, Minnesota, USA).
Sarà dunque un grande torneo dove Matteo Manassero cercherà di porre fine alla spirale alla spirale dei tredici tagli consecutivi subiti tra 2015 e 2016 e dove Renato Paratore proverà a riprendere il buon passo tenuto nelle prime due gare stagionali e poi interrotto domenica scorsa con l’uscita anticipata al Joburg Open. Il montepremi è di 2.500.000 euro con prima moneta di 409.686 euro.
Eurotour: nell’Abu Dhabi HSBC secondo giro sospeso Paratore 37°, Manassero 93°ultima modifica: 2016-01-22T21:53:56+01:00da matteuzzo2001
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento