Home » live » Calcio » Ibrahimovic: “Il Milan è il top, volevo restarci, potevo tornarci”

Ibrahimovic: “Il Milan è il top, volevo restarci, potevo tornarci”

Zlatan ha vinto il decimo pallone d’oro svedese e ricorda le stagioni in Italia: “Ho ricordi bellissimi, l’Italia è la mia seconda casa. Fosse stato per me non avrei lasciato il Milan: è il club più grande in cui abbia mai giocato”Un riconoscimento prestigioso, l’ennesimo di una carriera straordinaria. Ieri sera Zlatan Ibrahimovic ha vinto il suo decimo Guldbollen, il pallone d’oro svedese. Quasi una formalità per uno come lui, che ha scritto la storia del calcio in Svezia. Per Zlatan è il nono di fila: il primo l’aveva vinto nel 2005, al primo anno di Juventus, nel 2006 si è preso una pausa (il premio andò a Fredrik Ljungberg), poi solo trionfi, ininterrottamente fino ad oggi. Con la giuria anche criticata per la sua scelta un po’ ripetitiva: «Ma c’è poco da fare, è il migliore», si giustificano i giurati. Per Zlatan la cerimonia al Globen di Stoccolma non è più una novità. Ma a certi riconoscimenti, in fondo, non ci si abitua mai. Specie se ci si chiama Ibrahimovic. «Ricordo quando vinsi la prima volta – racconta Zlatan alla Gazzetta e ad Aftonbladet –. Fu un grande momento, ma non ero contento: volevo vincere ancora». Tipico di Zlatan. E con la sfida playoff contro la Danimarca alle porte, e decisiva per andare all’Europeo, il premio è anche l’occasione per ripercorrere la sua carriera. Sognando ancora di vincere un trofeo con la maglia della Svezia. Una cosa che manca nella sua bacheca, insieme alla Champions League che insegue con il Paris Saint-Germain..Zlatan, sabato c’è l’andata dello spareggio contro la Danimarca. Come si vince una sfida del genere?
“Saranno due partite difficili. Penso all’ultimo match di Champions del Psg contro il Real Madrid. Abbiamo giocato molto bene ma commesso un errore e preso un gol. E abbiamo perso. Con la Danimarca saranno due sfide così: vincerà chi sbaglia di meno”.
Anni fa aveva detto: “Non voglio giocare quando sarò troppo vecchio”. Ora ha 34 anni, il suo contratto con il Paris Sain Germain è in scadenza. Che cosa farà?
“Tutto può succedere. Mi sento bene e gioco bene. Poi fra uno o sei mesi non so. Per adesso sono in forma, e finché sento che posso dare qualcosa in campo continuerò a giocare”.
Qual è il suo ruolo nello spogliatoio del Psg?
“Mi sento parte di questo progetto fin dall’inizio. Per chi arriva adesso è tutto più facile: con il massimo rispetto per il club, io sono venuto quando ancora tante cose non funzionavano. Abbiamo costruito insieme una grande squadra”.
Quindi si sente un leader?
“Non importa che cosa dicono o scrivono. Nel Psg c’è solo un capo”.
Zlatan Ibrahimovic?
“Esatto, naturalmente”.

Allora non ha mai pensato di lasciare la Francia per tornare in Italia?
“L’estate scorsa c’è stata un’offerta concreta del Milan. Se io avessi detto sì, avremmo fatto l’affare. Ma non siamo mai arrivati fino a quel punto, non era quello che volevo. Però ero grato al Milan (sorride quando parla dei rossoneri, ndr). Per me è il club più grande in cui abbia mai giocato. E io ho giocato in tanti club importanti. Ma il Milan non ha paragoni: come lavorano, l’organizzazione… E poi che squadra fantastica avevamo”.Le manca Milano?
“San Siro, la città, la gente, la lingua: ho ricordi bellissimi. L’ho sempre detto: l’Italia è la mia seconda casa. Mi sono trovato molto bene lì. E fosse stato per me non avrei lasciato il Milan”.
Tornerà mai in Italia?
“Come ho detto, è la mia seconda casa. È il posto dove sono diventato famoso, con la Juventus. All’Ajax non ero ancora una stella internazionale. In bianconero è cambiato tutto: il mondo ha aperto gli occhi e mi ha visto. A parte l’anno al Barcellona, ho giocato e vissuto in Italia dal 2004 al 2012. Ho vinto il campionato con i tre club più grandi, Juventus, Inter, Milan. Sono diventato capocannoniere, sono stato scelto come miglior giocatore. Per me quello resta il campionato migliore del mondo. E anche il più difficile per un attaccante, perché si pensa prima a non prendere gol, che a farli. In ogni caso il vostro Paese resterà nel mio cuore”.
Ibrahimovic: “Il Milan è il top, volevo restarci, potevo tornarci”ultima modifica: 2015-11-10T09:17:25+01:00da matteuzzo2001
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento