Home » live » F1 » Ricciardo: «Regole confuse sulla Virtual Safety Car»

Ricciardo: «Regole confuse sulla Virtual Safety Car»

Daniel Ricciardo chiede più chiarezza nell’applicazione del regime di Virtual Safety Car durante i Gran Premi, dopo quanto successo nel Gp degli Usa ad Austin. Durante il primo periodo di “gara congelata”, Ricciardo era in terza posizione, seguito da Nico Rosberg, che si è avvicinato all’australiano, facendo in fretta a sorpassarlo non appena è tornata la bandiera verde in pista. Secondo il driver della Red Bull – che ha poi chiuso al decimo posto –  c’è stata poca chiarezza nel dare gli avvisi relativi alla fine del regime di Vsc.

CHE CONFUSIONE «Con il Regime VSC in teoria dovresti conservare il distacco e Rosberg era qualche secondo alle mie spalle – spiega l’australiano – così quando l’ho visto vicino ho pensato che sarebbe arretrato. Invece – prosegue Ricciardo – mi ha sorpassato e sembrava ci fosse bandiera verde. Non so cosa sia successo, io ho seguito le indicazioni». Il pilota australiano, quindi, spera venga fatta chiarezza sul meccanismo della VSC: «Bisognerebbe discuterne – perché non è chiaro il momento in cui si ritorna alla corsa vera». Secondo Ricciardo inoltre, non c’è stato nessun avviso relativo alla fine della VSC, che di solito viene dato intorno ai dieci secondi prima: «È stata una situazione confusionaria – conclude – di solito riceviamo un messaggio che ci avvisa, ma domenica non ne ho sentito nessuno».

Ricciardo: «Regole confuse sulla Virtual Safety Car»ultima modifica: 2015-10-29T11:25:44+01:00da matteuzzo2001
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento